Google+ Followers

martedì 3 marzo 2009

Giro di vite contro gli episodi di violenza in famiglia.

La Corte di Cassazione, V sez. penale, con la sentenza 7775/09 ha infatti stabilito che se un marito violento non è in grado di controllarsi e, nonostante una precedente condanna continua a maltrattare la consorte, l'unica misura adeguata per scongiurare il pericolo di una recidiva è l'arresto.
La Corte ha convalidato quindi la misura della custodia cautelare nei confronti di un uomo indagato per i reati di violenza privata, minaccia grave e lesioni aggravate in danno della moglie.
Secondo Piazza Cavour l'arresto del marito violento si rende necessario "proprio per l'incapacità di autocontrollo" che rende concreto il "pericolo di recidiva". Nel ricostruire la vicenda i supremi giudici evidenziano che l'uomo nonostante una precedente condanna, a soli tre mesi di distanza aveva ripreso a maltrattare la moglie.
Segno, spiega la Suprema Corte, del fatto che l'uomo non ha "alcuna capacità di autocontrollo" e che la vicenda non è da considerarsi come una semplice lite tra coniugi passionali ma in una vera e propria aggressione unilaterale, nel corso della quale la donna ha riportato lesioni gravi.
Dunque "è proprio dall'incapacità di autocontrollo riscontrata nella personalità di [...] che il tribunale correttamente trae la giustificazione dell'esclusiva adeguatezza della massima misura restrittiva".

3 commenti:

NADIA ha detto...

Hola mi sembra che sia assolutamente giusto, meno male che una cosa funziona!!!
a presto!! Bye

Nicole ha detto...

Lo trovo giusto, anzi dovrebbe essere applicato a chiunque manifesti conportamenti ossessivi e persecutori, anche senza traccia di violenza fisica.

Iarinha ha detto...

Olá! Obrigada pela visita.. sinta-se a vontade em meu espaço para acompanhar as atualizações. Belo blog! Bom final de semana p tii.. Beijos