Google+ Followers

mercoledì 11 marzo 2009

Privacy: test paternità? No senza il consenso del figlio.

Il Garante per la protezione dei dati personali (comunicato del 24.2.09) ha reso noto di aver stabilito che non è possibile effettuare il test sulla paternità e maternità senza il preventivo consenso del figlio se tale esame non sia indispensabile in sede giudiziaria.
L’Autorità ha quindi precisato che la raccolta e il trattamento dei dati genetici può avvenire solo con il consenso informato, manifestato dall’interessato in via preventiva e per iscritto.
Tale principio può essere derogato solo per far valere o difendere un proprio diritto in sede giudiziaria e solo nel caso in cui l'accertamento sia assolutamente indispensabile e venga svolto nel pieno rispetto delle regole fissate dal Garante (obbligo di sottoporre all'interessato una specifica informativa nel caso in cui l'analisi dei suoi dati genetici sia volta ad accertare la maternità o paternità). Il principio è stato ribadito dall'Autorità che ha affrontato il caso di un genitore che aveva avviato delle indagini personali (analisi genetica) del figlio al fine di verificare l'effettiva consanguineità. Aveva infatti raccolto dei mozziconi di sigaretta del figlio maggiorenne e, senza informare l'interessato, aveva fatto effettuare dei test al fine di appurare la loro compatibilità genetica. Il Garante ha quindi chiarito che effettuare tali test senza il consenso del figlio viola i suoi diritti. Ha quindi reso noto di aver vietato al genitore l'ulteriore trattamento dei dati genetici illecitamente raccolti.

3 commenti:

Celia Rivera Gutierrez ha detto...

Molto buona la determinazione a non consentire tali prove senza il consenso dei principali interessati, come è il caso di un minore, che richiede la protezione delle autorità giudiziarie.

I matricina tuo post

Saluti
Celia

Borrasca ha detto...

Nel diritto procedurale di un minore è in grado, pertanto, non può direttamente dare o negare il consenso.
Immagino che l'articolo si riferisce al bambino devono essere debitamente servita in una azione civile, attraverso il quale è stato nominato curatore.

Baci gusty

Luciano ha detto...

Ciao Celia.

Ciao Borrasca.
Credo che in questo caso si tratti di un maggiorenne altrimenti viene logico pensare in caso di minorenne la necessaria autorizzazione del Tribunale dei minorenne.
Quanto alla decisione del Garante per la protezione dei dati personali devo precisare che ha stabilito che non è possibile effettuare il test sulla paternità e maternità senza il preventivo consenso del figlio "se tale esame non sia indispensabile in sede giudiziaria". Pertanto, tale principio può essere derogato quando un padre (o un figlio) vuol far valere o difendere un proprio diritto in sede giudiziaria. E come ha precisato il garante solo nel caso in cui l'accertamento sia assolutamente indispensabile.