Google+ Followers

venerdì 20 marzo 2009

La cassazione chiede la massima attenzione alle confidenze dei bambini.

Interessante questa sentenza della Corte di cassazione, III Sez., la n. 8809/09), che invita i giudici di merito alla massima attenzione nella valutazione delle accuse dei bambini verso gli adulti in quanto altamente malleabili. I giudici invitano dunque i giudici a prestare attenzione nel valutare soprattutto quei fatti che “che narrano fatti dei quali non dovrebbero avere esperienza e che non possono essere il risultato di una loro fantasia”.
Ma chi è il più adatto a valutare o considerare attendibili le accuse e le dichiarazioni dei bambini ?
Secondo i giudici di piazza Cavour i bambini “non mentono consapevolmente ma diventano altamente malleabili in presenza di suggestioni etero indotte e se interrogati con domande inducenti tendono a conformarsi alle aspettative del loro interlocutore”.
Ma questo non vale anche per gli adulti? Certo forse questa conferma la potrebbero dare quanti in vita loro hanno affrontato almeno un vero e proprio interrogatorio.
La Corte, nel caso specifico ha accolto il ricorso di un padre separato che nei precedenti gradi di giudizio era stato condannato a tre anni di reclusione per una presunta violenza sessuale nei confronti della figlia di 7 anni.
La Corte ha annotato nella sentenza che il vissuto emotivo della bambina non aveva dato “segnali della violenza subita” né dimostrato “trauma da abuso”.
Bhà sarà certamente vero quello che sostiene la Corte di cassazione che “la conclusione dei giudici – di merito - non si sostanzia in un argomento logico inattaccabile ma lascia spazio a perplessità restando fermi dati incontrastati quali l'assenza di segni riconducibili ad un evento traumatico o il fatto che i racconti della bambina fossero espressivi di un disagio da essa elaborato, più, per i ripetuti litigi dei genitori e per l'abbandono del padre, che, non per gli abusi sessuali da lei descritti" ma io non condivido ugualmente questa sentenza nella parte in cui stabilisce che la bimba non aveva dato “segnali della violenza subita” né dimostrato “trauma da abuso”.


Nessun commento: